Premio Internazionale Fontamara

Roma, 4 aprile 2014 Comunicato Stampa

assegnato a Miseria Ladra, campagna di Libera e Gruppo Abele

Libera e Gruppo Abele: “ Un premio che ci gratifica e rappresenta un ulteriore slancio nel continuare nel nostro impegni nella lotta a tutte le forme di povertà”

“Ricevere il premio internazionale Fontamara rappresenta un ulteriore slancio e riconoscimento al nostro impegno. Ignazio Silone rappresenta un punto di riferimento non solo letterario ma morale straordinariamente attuale. Il suo impegno vive intatto nelle meravigliose pagine di Fontamara, che appaiono come dolorosa metafora della drammatica crisi in cui siamo immersi. Anche oggi c’è troppa miseria, mentre “galantuomini” e “impresari” ritengono un “fatto strano” che i cafoni rivendichino diritti. Anche oggi qualcuno si burla dei cafoni, ridendo e lucrando sulla morte ingiusta di centinaia di persone. “ In una nota Giuseppe De Marzo , coordinatore nazionale della campagna di Misera Ladra di Libera e Gruppo Abele ringrazia per il riconoscimento “Premio Fontamara” assegnato dalla Giuria Internazionale del XIX Edizione del Premio Internazionale Ignazio Silone la cui cerimonia di consegna, si svolgerà a Pescina (AQ) città natale dello scrittore, sabato 5 aprile

,“Siamo noi i cafoni di cui parlava il grande Silone. Decine di milioni di italiani ed italiane impoveriti dalla crisi, esclusi e marginalizzati dal cinismo di molti galantuomini, umiliati dalla perdita del lavoro e dalla sua riduzione a variabile dipendente dalle compatibilità economiche, costretti a vedere scomparire i nostri diritti di cittadinanza perché non prioritari rispetto alle rendite dei moderni impresari della finanza. Ma questa volta- prosegue Giuseppe De Marzo la lezione di Silone e della storia ci è servita. Non faremo un passo indietro sulla necessità di riaffermare i principi della nostra Costituzione. Questo premio ci spinge ad impegnarci con tutte le nostre forze per far applicare quei principi di dignità, giustizia e libertà contenuti nei primi articoli del nostro patto sociale. “

La campagna Miseria Ladra nasce proprio dalla necessità di rispondere alla gravità dei dati emersi dal rapporto Istat 2012 ed Eurostat 2013: 9,5 milioni le persone in povertà relativa e 4,8 in quella assoluta. Per Eurostat un italiano su tre è a rischio povertà. Il 63% delle famiglie ha ridotto la spesa alimentare. Il 40% vive in condizioni di deprivazione materiale; una famiglia su quattro soffre di deprivazione materiale grave.

La piattaforma e le 10 proposte di Miseria Ladra, promosse dal Gruppo Abele e da Libera con il sostegno di centinaia di realtà del sociale e del volontariato, propongono una visione ed un approccio che rimette al centro l’interesse generale e la dignità umana, contrastando le mafie all’interno di una visione europeista fondata sulla cultura dei diritti e del welfare come elemento di civiltà. Le 10 proposte della campagna intervengono sia su situazione emergenziali e contingenti che vanno affrontate e risolte nell’immediato, come il blocco degli sfratti, l’utilizzo dei beni pubblici e confiscati alle mafie per usi sociali e scopi abitativi, la moratoria dei crediti di equitalia per le famiglie in difficoltà, la residenza per i senza fissa dimora, il reddito minimo per i giovani in difficoltà economica che non trovano lavoro, sia sulle cause strutturali della povertà e della crisi, attraverso proposte da attuare nel medio e lungo periodo come la rinegoziazione del debito pubblico ed il rilancio degli investimenti pubblici per creare nuovo lavoro attraverso la riconversione ecologica delle attività produttive.

Share on FacebookShare on LinkedInPin on PinterestShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>