Campagna “IO VEDO, IO SENTO, IO PARLO”

Per ricordare una donna coraggiosa prenotiamo e esponiamo in ogni casa, palazzo e scuola: Una bandiera per Lea Garofalo con i colori di Libera e la scritta “Io vedo, io sento, io parlo”.

Il 19 ottobre 2013 si celebreranno a Milano i funerali della testimone di giustizia Lea Garofalo, uccisa il 24 novembre del 2009, dopo essere stata interrogata e torturata dall’ex compagno Carlo Cosco e da altri uomini legati dal codice d’onore della ‘Ndrangheta.

Negli ultimi due anni libera ha sostenuto Denise nel processo per l’omicidio di sua mamma Lea: volevamo starle vicini, volevamo non lasciare una ragazza di 20 anni sola mentre sfidava il padre e gli zii. Ora desideriamo soprattutto far ricordare la figura di questa donna coraggiosa che ha testimoniato per la dignità di tutti noi, contrapponendosi ad ogni omertà e vogliamo far capire che è stata uccisa perché noi non siamo stati abbastanza vigili.

Libera associazioni nomi e numeri contro le mafie, lancia la campagna: IO VEDO, IO SENTO, IO PARLO! e tu da che parte STAI?

La campagna sarà supportata anche con la produzione di una bandiera, che potete già prenotare!

Per saperne di più, contribuire e portare i tuoi suggerimenti, puoi scrivere a milano at libera.it

L’omicidio di Lea era stato deciso da tempo, ma rimandato perché i suoi aguzzini volevano assolutamente sapere cosa aveva denunziato ai magistrati e alle forze dell’ordine.
La sua denunzia metteva in pericolo la struttura milanese della ‘Ndrangheta, rivelava il ruolo di piazzale Baiamonti nel traffico di droga e metteva in luce le strategie di controllo territoriale e il rapporto di dipendenza delle ‘ndrine della Lombardia con quelle calabresi.
La storia di Lea è esemplare: una donna si ribella alle leggi e al codice della sua famiglia e lotta con tutte le sue forze per liberare se stessa e sua figlia da un destino inesorabile, cade in povertà e viene lasciata sola e la sua denunzia non trova i riscontri, gli approfondimenti e le attenzioni necessarie.

É la storia di sempre che si ripete, di invisibilità della organizzazione mafiosa che non viene riconosciuta come tale per molto tempo e per questo può agire indisturbata e mietere le sue vittime…

La discussione pubblica e le aperte prese di posizione in tutto il Paese, in particolare quelle dei ragazzi e dei giovani volontari e coetanei di Denise, hanno fatto crescere nella coscienza collettiva la consapevolezza della natura mafiosa di questo delitto e del pericolo che comporta il processo di colonizzazione in atto della Lombardia.
Oggi, dopo il ritrovamento del corpo di Lea, i funerali pubblici che si terranno a ottobre rappresentano l’occasione per rendere omaggio a una coraggiosa e irriducibile donna, fragile e forte nello stesso tempo, una donna che è morta riscattando la dignità di tutti noi cittadini milanesi che abbiamo ignorato ciò che avveniva sotto i nostri occhi; nello stesso tempo essi saranno anche l’occasione per dire definitivamente no al silenzio, all’omertà e all’indifferenza.
Il percorso per una Lombardia veramente Libera dalle mafie è ancora lungo e noi abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti.
Aiutateci a far partecipare tutta la città alla giornata dei funerali civili, aiutateci a preparare una profonda sensibilizzazione dei cittadini milanesi intorno a questi temi. Trasformiamo il dolore e la memoria in impegno quotidiano e in un cammino di libertà.
Come primo piccolo gesto di partecipazione e adesione chiediamo di esporre in luoghi pubblici, dalle case e dai palazzi, da ogni luogo, ove sia possibile una bandiera/lenzuolo con la scritta “io vedo, io sento, io parlo, Lea Garofalo, testimone di giustizia”.

A tutti chiediamo di fare, al più presto, una prenotazione di queste bandiere e di versare anticipatamente i soldi necessari alla preparazione e alla stampa: Il costo è di 4 euro a bandiera e la prenotazione va fatta all’ indirizzo milano at libera.it

LIBERA. ASSOCIAZIONI, NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE

COORDINAMENTO REGIONE LOMBARDIA Via della Signora, 3 – 20122 Milano Tel. 02/7723210 – Fax 02/780968E- email: lombardia at libera.it

Share on FacebookShare on LinkedInPin on PinterestShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>